Video – NAT SCAMMACCA Poeta e filosofo della scienza -Presentazione

A completare i precedenti post ecco la ripresa della della presentazione  del testo di Antonino Serina “NAT SCAMMACCA Poeta e filosofo della scienza “

La fisica e l’Antifisica

Questo slideshow richiede JavaScript.

Presentazione del libro del Prof. Antonino Serina “Nat Scammacca Poeta e filosofo della scienza” 20 Febbraio 2016 -Biblioteca Fardelliana Trapani

 

Nella sala grande della Biblioteca Comunale di Trapani “ Fardelliana”, si è tenuta il giorno 20 c.m. la presentazione dell’ultimo lavoro edito del Prof. Antonino Serina ( edizione Arianna) “”Nat Scammacca Poeta e filosofo della scienza” alla presenza di un folto numero di persone. Presentazione introdotta dall’Assessore Laura Montanti, presenti al tavolo anche il Prof. Salvatore Bongiorno che ha curato l’introduzione,

Questo slideshow richiede JavaScript.

la Direttrice della Biblioteca Dott.ssa Margherita Giacalone,  e Ignazzino Russo amico dii Nat Scammacca e componente dell’Antigruppo Siciliano.  E’ stata ricordata anche la figura di Nina Scammacca e il ruolo della sua sua opera  a favore della cultura locale. A margine della manifestazione la premiazione dei partecipanti al Premio Nat Scammacca voluto e sponsorizzato dal Pro. Serina con il concorso indetto presso le scuole superiori del Trapanese.

serina_001_print racconto di provincia - 0003

 

Immagine Filosofica di Nat Scammacca

Sabato sera sono stata invitata dal Prof. Serina a cena, nel contempo mia donato il suo ultimo lavoro su mio padre con dedica “Nat Scammacca Poeta e filosofo della scienza”, un corposo volume edito Edizioni Arianna, contenenti passi degli scritti  di Nat Scammacca  spiegati ed illustrati in maniera capillare  dal Prof. A. Serina. Lo scritto vuole dimostrare quello che avevo anticipato in vari post su Facebook, sulla sanità mentale dello scrittore di casa ed identifica la metodica dalla scomposizione di concetti complicati in metodi semplici di interpretare le vibrazione dell’etere(concetti di spazio tempo quantico), come le vibrazioni dell’universo  possono interagire con la mente anche nelle piccole cose. In alcuni scritti proiettando se stesso nell’etere dal quale riceve onde di pensieri che trasforma in immagini suggestive nei suoi scritti. Oltre a molti passi e versi di Nat Scammacca il libro di A. Serina include anche il parere di altri ricercatori sulla validità dei testi del siculo-americano.

Glenda Scammacca

Libro di Antonino Serina

Libro di Antonino Serina

I due mondi tendono l’uno all’altro per unire deserti di polvere a sogni e sono in ciascuno di noi.

Professere/Scrittore

Professere/Scrittore

Scammacca, Due mondi. Si gira fermi con Mach, p. 33.

Antonino Senna

NAT SCAMMACCA

Poeta e filosofo della scienza

Noi Universo Piccole onde – crespalure – crespe come foglie appuntite come luce

pulsano e s’intrecciano immobili si muovono

senza muoversi

bianco su nero

ondeggiano nell’immobilità

del mondo intero.

Gioca gioca col silenzio, Ericepeo II,… p. 27

… la realtà della stessa esistenza è un etere fornito di fotoni-quanti che non si muovono ma oscillano e noi siamo manifestazioni di quelle oscillazioni come quelle dell’acqua…

Nat Scammacca in A meeting with David B. Axelrod and Gnazino Russo,… p. 55

Noi siamo come le onde e come tutti gli oggetti, siamo un fluire di eventi, siamo processi. La meccanica quantistica non descrive oggetti, descrive processi ed eventi di processi che interagiscono fra processi.

Carlo Rovelli, La realtà non è come ci appare,… p. 119

» Read more

Febbraio 2016, Scammacca Web di Glenda Scammacca

Dal Post Faceebook Antonino Serina

Febbraio 2016,  Scammacca Web di Glenda Scammacca

Il risentimento di Glenda nei riguardi di Giacomo Pilati, espresso nei termini:” nelle presentazioni del suo romanzo presenta un’immagine non veritiera della vita che voleva rappresentare di mio padre”, questa mattina del 1 febbraio 2016, mi colpisce e mi rattrista e mi sento moralmente obbligato ad intervenire.
Ognuno ha il suo Kant, si suol dire in filosofia, come nella storia delle religioni ognuno ha il suo Buddha, il suo Osiride, il suo Cristo.Quanti indirizzi filosofici diversi e divergenti e quante religioni diverse e contrastanti si sono sviluppate su una data figura storica, divenuta oggetto di desiderio, di conforto, della nostra fantasia, del nostro mondo interiore. Come gli individui così fanno i popoli. Ogni cultura, ogni civiltà, ogni angolo del mondo ha il suo Dio. Abbiamo bisogno di produrre, proiettare, dire, parlare; ognuno di noi lo fa in modo suo e personale. Nelle cose grandi e nelle piccole. C’è una costante nel nostro agire e può esserci una variante. Il romanzo di Giacomo Pilati è un romanzo e come tale deve essere letto. Ma se si dice espressamente che si rifà ad una storia, allora siamo coinvolti e trascinati a non saper più distingure storia e fantasia; cosa molto seria e delicata soprattutto quando si tratta di aspetti che riguardano la dignità d’una persona, la sua sanità mentale, il suo prestigio. Che poi intervenga uno psichiatra alla presentazione d’un romazo lo vedo anche legittimo. Ma come si fa a distinguere lo Scammacca del romanzo e lo Scammacca vero? Nel mio lavoro su < Nat Scammacca Poeta e Filosofo della Scienza> do certamenre una analisi diversa del persoaggio. Può darsi che ognuno ha il suo Scammacca, come ognuno  ha il suo Kant, ma non possiamo sminuire nè il decoro e la dignità. Antonino Serina. Questo scritto riproduce una riflessione spontanea ed immediata.

Presentazione: Antonino Serina “Nat Scammacca Poeta e Filosofo della Scienza”

Professore Antonino Serina - Memorial Casa Scammacca

Dalla INTRODUZIONE dell’Autore a :
” E’ davvero incredibile per molti, anche dei suoi amici, immaginare Scammacca filosofo della scienza; uomo piuttosto straordinario sì, ma strano, tanto strano da essere ritenuto pazzo, anziché filosofo. Eppure egli stesso, in una visita privata, prima ancora che si ricoverasse al Creedmoore Hospital, confessò ad un medico: “Dottore, io so di essere malato, da diversi giorni non mangio e non dormo, ho una gran paura, tanta paura di certe perone che mi perseguitano.” E il dottore a lui:” Lo so, ragazzo mio, si vede subito che sei NatScammacaFilososfomalato … In verità, non mi sembri malato di mente, sei soltanto depresso” (Due Mondi, romanzo autobiografico, 1979, p. 103).
E’ un conflitto semplicemente affettivo il suo o è la diversa concezione della vita impossibile a viverla in un mondo legato a vecchie concezioni e credenze? Una serie di interrogativi che lo interessano, e possono interessare anche noi, ruotano attorno a punto centrale: il mondo fisico e il mondo psichico-mentale sono due mondi diversi, come comunemente si crede, oppure c’è un’unica realtà cosmica? Conseguentemente possiamo chiederci: il corpo e l‘io sono due entità distinte – ovvero il corpo e l’anima sono cose diverse, come si dice – o sono una entità? L’io e l’universo sono due realtà o sono compartecipi della stessa unità cosmica? Che senso ha la vita in dimensione cosmica?
Sono queste domande fondamentali a cui la gente comune sfugge, radicata su vecchie concezioni della realtà, ma che hanno interessato filosofi e scienziati da Mach ad Einstein e ai fisici della meccanica quantistica. La concezione che non esistono due mondi, vale a dire uno terreno e un altro divino, ma una < unità universale>, è la visione scientifica e rivoluzionaria proposta da Einstein.